DSC09737_edited.jpg

ECONOMIA CIRCOLARE

Secondo la definizione della Ellen MacArthur Foundation economia circolare «è un termine generico per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola.


In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera». L’economia circolare è dunque un sistema economico pianificato per riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi.

1

ridurre i consumi di materia prima, progettando prodotti con una obsolescenza a lungo termine e con una manutenzione semplice, con costi inferiori

2

il riutilizzo delle materie prime è il primo grande ciclo di vita dei prodotti, in modo da non perdere quell’energia spesa per generare quel prodotto

3

ultimo passaggio per recuperare la materia

REDUCE

REUSE

RECYCLING

DSC09737_edited.jpg

È un’economia che protegge l’ambiente e permette di risparmiare sui costi di produzione e di gestione, producendo degli utili. E in questo l’Italia è in un’ottima posizione nel quadro europeo.

Per quanto riguarda il settore rifiuti, la produzione di urbani e speciali risulta pari a 178 milioni di tonnellate. Invece relativamente ai processi di riciclo, aumentano le potenzialità per rendere sempre più circolare l’economia italiana.

La Commissione Europea prevede 580.000 posti di lavoro, di cui solo in Italia 190.000, con dei risparmi annui del 72 miliardi di euro per le imprese europee.

Interessante il dato sulle materie prime seconde generate a partire dalla raccolta differenziata. Considerando carta, legno, vetro, plastica ed organico, sono state reimmesse sul mercato circa 10,6 milioni di tonnellate nel 2014 (oltre 60% come recupero di materia), in aumento del 2% nel 2015 sulla base di dati preliminari.

Puntare sull’Economia Circolare vuol dire quindi stimolare la creatività delle PMI italiane in funzione della valorizzazione economica del riuso di materia. Un input strategico di grande rilevanza con il passaggio da una necessità ad una opportunità.


E dentro quei numeri ci siamo anche noi!